E Vie du Ma Vela Latina Celle Ligure 2013

E Vie du Ma edizione 2013 Regata di Vela latina

9° Trofeo Federico Toscano – 4° Trofeo Mario Venturino

Associazione Vela Latina Celle – Varazze CN – LNI Savona con la collaborazione della Cala Cravieu

[button type=”churchope_button” url=”https://www.lift-crea.com/demo/archiviovcn/wp-content/uploads/2013/07/vl-001.pdf” target=”on” button_color_fon=”#0095e2″ ]Guarda la classifica[/button]

07/07/2013: Dominio di A Commedia Cellasca e di San Giuseppe alla regata di vela latina di Celle
Per la ormai tradizionale regata cellese di vela latina “E Vie du Ma”, con la 4^ edizione del trofeo dedicato al mitico Mario Venturino, che aveva portato la vela latina a Celle con il restauro della A Comedia Cellasca, e la 9^ edizione del trofeo intitolato a Federico Toscano, compianto giovane padre, medico e velista savonese, continua la collaborazione dell’Associazione Vela Latina Celle con il VCN e la LNI Savona, che si sono suddivisi l’organizzazione in mare curando, rispettivamente, la posa del campo di regata e la barca CdR.
A differenza degli anni scorsi, quando l’evento era articolato su tre giornate, con la prima riservata all’esposizione dei gozzi mirabilmente restaurati e la seconda era caratterizzata da una serata conviviale, questa edizione “senza sponsor” ha badato al sodo con una domenica di regate, in stile derive, che nove gozzi ponentini e genovesi hanno trasformato in uno spettacolo di vela nella suggestiva cornice della baia di Celle.
Delle due prove disputate, la prima è stata bella e piuttosto impegnativa nella tramontana Forza 3 (entrata quasi a mezzogiorno dopo la bonaccia), con qualche breve rinforzo come quello che ha quasi sdraiato Bianca alla boa di lasco, su due veloci giri del percorso a triangolo. Brezza leggera ma soprattutto instabile, invece, per la seconda prova, con un pazzo salto da levante proprio nel corso dell’ultimo minuto, che ha sparigliato le posizioni, ed ulteriore calo nel seguito, per cui è stata data la riduzione al termine della seconda bolina.
La prima partenza è stata vinta dal gozzo varazzino Beigua, correndo pericolosamente vicino alla linea di partenza con mura a sinistra, con Commedia Cellasca che lo pressava da sottovento e che si è poi subito portata in testa ed alla fine ha preceduto l’avversaria di quasi due minuti. Fra i gozzi inferiori ai 5 metri, successo del genovese San Giuseppe, che nel secondo giro è riuscito a distanziare il cellese Peu, quest’ultimo con equipaggio meritevole di citazione, composto da due bambini della scuola Optimist, oltre al timoniere.
Nel micidiale salto di vento della seconda partenza, Bianca e Beigua hanno trovato per prime il bandolo della matassa, mentre è rimasta attardata A Commedia Cellasca, che ha però saputo reagire all’avversità con una bella rimonta con cui si è aggiudicata anche il secondo “hip hip hurrà!”, con un vantaggio di 48” sulla prima delle due fuggitive, mentre
Beigua ha ceduto la terza piazza a U Can Neigru. Fra i gozzi minori, bis anche per il San Giuseppe, per cui la stesura della classifica finale nelle due categorie è stata solo una formalità per quanto riguarda i primi posti.
Con due successi, si è aggiudicata la regata A Comedia Cellasca, cornigiotto del 1929 di 5,75 metri timonato da Anna Ciarlo, del VCN. Piazzamento per Bianca, gozzo del 1920 di 5,10 m del veterano Attilio Cavanna, della LNI Savona, (3-2), e terzo posto per Beigua, gozzo del 1936 di 5,17 m timonato da Stefano Carattino, del VCN (2-4). Il 4° Trofeo Mario Venturino è stato simpaticamente assegnato dall’armatore della barca vincitrice, che è anche colui che mette in palio il premio, al Sant’Alberto, gozzo del 1953 di 5,01 metri al timone di Claudio Busetto, della LNI Sestri Ponente, quale barca sempre presente alla manifestazione.
A punteggio pieno anche il San Giuseppe, cornigiotto del 1920 di 4,77 m di Mario Michelini del CV Costaguta di Voltri, seguito da Peu, cornigiotto del 1924 di 4,25 metri di Michele Venturino, del VCN (2-2), e Maria, gozzo del 1940 di 4 metri, timonato da Luigi Canedelli. Il 9° Trofeo Federico Toscano è stato assegnato, per stimolo, ai due bambini del Peu.